Brexit secondo referendum | L'aperura della premier May

Immagine di copertina

Brexit, Theresa May annuncia un “nuovo accordo”. All’interno sarà inserita anche clausola…

Oltre al voto dei Comuni sulla possibilità di convocare un secondo referendum sulla Brexit prima della ratifica dell'accordo, May promette garanzie sui diritti dei lavoratori, che dovranno essere "non meno favorevoli" di quelli previsti all'interno dell'Ue, garanzie che non siano diluite le norme a protezione dell'ambiente.

La premier Theresa May ha detto che resta contraria a un secondo referendum sulla Brexit, ma apre alla possibilità della Camera dei Comuni di votare su un emendamento che lo chieda nell'ambito dell'approvazione della legge quadro sull'uscita dall'Ue che presenterà a Westminster a inizio giugno.

La Premier britannica, però, non sembra voler rinunciare e si prepara a fare una "offerta coraggiosa" al Parlamento nell'ultimo tentativo, appunto, di far accettare ai deputati il suo accordo di uscita dall'Ue.

Sono dieci le modifiche apportate al testo per raccogliere consensi, dando più voce in capitolo ai deputati. Sarà sempre il Parlamento a votare un compromesso su una possibile unione doganale con la Ue dopo Brexit.

L'obbligo di modificare la dichiarazione politica sulle future relazioni con l'UE. Continuerà quindi a rispettare e mantenere le regole Ue sui prodotti agricoli e alimentari per facilitare gli scambi ed evitare blocchi alla frontiera. Se la backstop verrà usata, il Governo si impegna a restare in ogni caso allineato con l'Irlanda del Nord. Le alternative resterebbero l'annullamento di Brexit o un "no deal".

Oggi la riunione di Gabinetto del Primo ministro May che pochi giorni fa ha annunciato una nuova proposta sull'accordo di ritiro dell'Unione Europea che andrà in Parlamento nella settimana che inizia il 3 giugno, ma il portavoce della stessa May ha detto che non poteva dire quando i particolari di questa proposta saranno pubblicati. Immediata la reazione del leader labourista Jeremy Corbyn che ha confermato il suo "no" alla premier Tory.

Altre Notizie