Juventus-Allegri, Del Piero si schiera. C'è la data dell'incontro

«Inter-Conte mi fa strano» - Ticinonline

Inter-Conte, Del Piero: "Strano, ma non mi sorprende. La sua rigidità può aiutare"

E proprio su questo aspetto è voluto intervenire anche Alessandro Del Piero, storica bandiera della Juventus ed ex compagno dell'allenatore italiano.

La Juventus, durante tutta la sua storia, ha avuto dei campioni che hanno lasciato un segno indelebile e tra questi c'è senza dubbio Alessandro Del Piero che, nell'intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, fa un bilancio dell'annata della Vecchia Signora. "Il rammarico più grande è non aver mostrato contro l'Ajax il potenziale visto nel ritorno con l'Atletico". Ha insegnato anche che la gestione del risultato sta diventando un eccesso da superare, ha vinto chi ha giocato sempre se si stesse 0-0.

Sul Allegri, invece: "Gli allenatori non hanno una data di scadenza, tutto dipende dalla sintonia con il club su programmi e obiettivi. Se c'è ancora, allora non sarebbe giusto chiudere con Allegri". Al nostro campionato manca quel ritmo. "La stagione è stata più che buona".

L'ex bianconero apprezza molto Paulo Dybala e pensa che il giocatore non possa essere giudicato per la prestazione anonima di questa annata. E forse anche di testa e di fiducia, da recuperare. "Fatta di tanti gol, di un impatto dirompente sul nostro campionato e di una ridefinizione della dimensione internazionale della Juve". Ne riparliamo l'anno prossimo. "Se dovessi definirmi, direi che sono un uomo fortunato che non si è stufato di mettersi in gioco".

Altre Notizie