News Redazione 14/04/2019 La Rai chiude RaiMovie e RaiPremium

Rai Movie chiude: l'ennesima follia della nuova Rai

Chiude Rai Movie, il canale tv dedicato interamente al cinema

Che dovrebbe arrivare domani, per bocca dell'amministratore delegato Rai Fabrizio Salini in commissione vigilanza Rai.

Chiudere Rai Premium e Rai Movie canali dedicati alle serie tv e al cinema di ieri e di oggi vuol dire, secondo il sindacato interno, spingere una buona fetta di pubblico verso i canali a pagamento e le piattaforme come Netflix.

Nel nuovo piano industriale Rai non ci sarà spazio per Rai Movie e per Rai Premium: le indiscrezioni riportate da un quotidiano nei giorni scorsi sembrano confermate, e si attende solo l'ufficialità.

Se la chiusura dei due canali dovesse risultare effettiva potrebbe anche presentarsi un problema a livello giuridico, posto dal Decreto Franceschini nel 2017, che prevede un sostegno al cinema italiano, da parte del servizio pubblico, tramite una quantità di film da trasmettere in tv - assolta precedentemente da Rai Movie. Anzi, sembra che i due canali fatturassero circa 30 milioni di euro.

Contemplabile l'ipotesi che la Rai abbia fatto le valutazioni del caso e, in un clima di totale rebranding, abbia preferito azzerare Rai Movie per ripartire da zero con un progetto nuovo di zecca, nonostante i numeri di share e ascolti non le abbiano dato mai granché torto in quanto a selezione dell'offerta: i migliori titoli del cinema anni '50/70 nei nomi di Totò, Gassmann, Tognazzi e Mastroianni, passando per le commedie di Dino Risi e De Sica fino ai western di Sergio Leone. Inoltre, Rai 4 cambierà impostazione, concentrandosi su una audience prettamente maschile in una mossa che dai telespettatori e dal mondo del web è stata già tacciata come "medievale". Cosa che veniva regolarmente garantita attraverso questo canale.

Una decisione che resta basiti, se si pensa solamente al riscontro economico che il canale era in grado di generare. Scelte che non hanno mai escluso film e fenomeni dei grandi festival come Venezia, Roma e Cannes, così come i premi italiani dei David e quelli internazionali degli Oscar, con particolare attenzione agli approfondimenti negli speciali Movie Mag di seconda serata.

Altre Notizie