Tensioni Francia-Italia: Mattarella chiama Macron

Emmanuel Macron

Emmanuel Macron +CLICCA PER INGRANDIRE

Dopo il ritiro dell'ambasciatore francese da Roma e cinque giorni di stallo e incomunicabilità tra i governi italiano e francese, tra i due Paesi si riapre un dialogo con Macron che parla al telefono con il capo dello Stato Mattarella. Mattarella e Macron, prosegue il comunicato, hanno "ricordato che Francia e Italia, che hanno costruito insieme l'Europa, hanno una responsabilità particolare per operare di concerto alla difesa e al rilancio dell'Unione europea".

Colloquio telefonico oggi tra il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente Francese Emmanuel Macron.

"Essi - prosegue la nota - hanno riaffermato l'importanza, per ciascuno dei due Paesi, della relazione franco-italiana, che si alimenta di legami storici, economici, culturali e umani eccezionali". La rottura era dovuta all'incontro di Luigi Di Maio con i gilet gialli. Marine Le Pen ha poi sottolineato la "forte contraddizione" del presidente francese, "che vuole che spariscano le frontiere, che è per il federalismo europeo, che è lo stesso che ha portato l'idea di liste transnazionali" alle elezioni europee e "si scandalizza che un responsabile politico italiano venga a discutere con militanti politici in Francia".

La telefonata tra Mattarella e Macron potrebbbe costituire la premessa necessaria per il ritorno dell'ambasciatore Christian Masset che si trova a Parigi per "consultazioni" come deciso lo scorso 7 febbraio dal ministero degli Esteri transalpino, che aveva denunciato in una nota le "ingerenze" del partner italiano. In serata, ancora sulla Tav, va in scena uno scontro a distanza tra Matteo Salvini ("i dati dell'analisi costi-benefici sono strani") e Alessandro Di Battista. "Il leader della Lega dice sì all" opera, anche a costo di convocare un "referendum". Lo afferma premier Giuseppe Conte. Potrebbe svolgersi nelle prossime ore, ma ancora non c'è conferma.

Altre Notizie