L'Iran celebra i 40 anni della Rivoluzione khomeinista

L'Iran celebra i 40 anni della Rivoluzione khomeinista

Iran: celebrazioni per il 40esimo anniversario della rivoluzione islamica

Questa serie di decisioni portarono nel 1978 a moti di scontento sempre maggiori, moti che confluirono ( o furono forzati a confluire) nella figura dell'Ayatollah Khomeini, il quale instaurò la Repubblica Islamica, divenendo una delle cinque teocrazie musulmane del mondo (le altre sono: Afghanistan,Maldive, Mauritania e Pakistan). Sventolando bandiere verdi, rosse e bianche, i colori nazionali, migliaia di iraniani hanno partecipato alle celebrazioni con striscioni, cartelli e ritratti della guida suprema Ayatollah Ali Khamenei e del fondatore della Repubblica islamica, l'ayatollah Ali Khomeini, e scritte contro i nemici della Rivoluzione; tanti gli slogan anti-americani e anti-israeliani. Alle manifestazioni, riferisce l'agenzia ufficiale Irna, ha preso parte anche il presidente Hassan Rohani, che si è rivolto ai presenti proprio in piazza Azadi. "Non permetteremo agli Stati Uniti di vincere questa guerra". Le nuove sanzioni Usa hanno duramente colpito la popolazione.

"Non chiediamo e non chiederemo a nessuno il permesso per produrre alcun tipo di missile" con "scopi difensivi", ha aggiunto il presidente iraniano, ribadendo però la volontà del suo governo di "proseguire l'impegno costruttivo" con la comunità internazionale sull'intesa nucleare del 2015.

"La presenza delle persone oggi nelle strade di tutta la Repubblica islamica dell'Iran significa che il nemico non raggiungerà mai i suoi obiettivi demoniaci", ha rivendicato Rohani dopo aver denunciato il "complotto" degli Stati Uniti, dei "sionisti" e degli Stati "reazionari" del Medio Oriente contro il suo paese.

Altre Notizie