Questa è la notte della luna rossa

Superluna rossa: tutti con il naso all'insù tra domenica e lunedì

L'ultima eclissi totale di Luna fino al 2022: ecco come non perderla

Il fenomeno durerà circa un'ora: alle 5.41 la Luna inizierà a entrare nel cono d'ombra creato dalla Terra mentre il culmine dell'eclisse sarà raggiunto alle 6.12; l'occultamento totale finirà alle 6.43.

Eclissi di Luna totale nella prima mattina di lunedì 21 gennaio 2019. "Sono i luoghi che hanno l'orizzonte Ovest aperto, perché la luna sarà prossima al tramonto - spiega Lazzati - Per esempio il versante Ovest delle colline brianzole, dove si ha una vista panoramica sulla Brianza oggionese".

"Il prossimo 21 gennaio 2019 torna nei cieli italiani lo spettacolo magnifico dell'eclissi totale di Luna". L'Inaf, Istituto Nazionale di Astrofisica, fa sapere che però la Luna tramonterà prima che l'eclissi volgerà al termine. Un'eclissi si verifica solamente quando la Luna è in opposizione rispetto al Sole. La Luna successivamente entra nel cono d'ombra della Terra e inizia un'eclisse parziale, con una luce lunare sempre più fioca.

L'Associazione Astrofili Orione e altri esperti e appassionati seguiranno l'atteso evento astronomico: chi se lo perderà dovrà attendere 20 anni per poterlo ammirare di nuovo.

A che ora possiamo osservarla?

È giunta l'ora: puntate le sveglie. Chi vuole può procurarsi un semplice binocolo per godersi ancora più da vicino lo spettacolo, e vedersi nel dettaglio la superficie della Luna oscurata dal cono d'ombra della Terra. Oltre ad essere rossa, la Luna apparirà un po' più grande e luminosa del solito.

L'eclissi di Luna si osserva quando il Sole, la Terra e la Luna sono allineati e la Terra, nascondendo la luce del Sole alla Luna, proietta su di essa un cono di penombra e un cono d'ombra che sono coassiali. Meteo permettendo, sarà quindi possibile seguire l'evolversi dell'eclissi totale di Luna con il supporto degli astrofili dell'A.R.A.R - Associazione Ravennate Astrofili Rheyta, con l'ausilio di binocoli e telescopi astronomici. Il nostro satellite, infatti, si troverà alla sua minima distanza dalla Terra, generando una particolare situazione che viene anche definita "Super Luna Rossa".

Altre Notizie