Coppa Italia: Inter ai quarti

Coppa Italia

Coppa Italia

L'Inter passa senza patemi l'ostacolo Benevento (il progresso rispetto ai rigori col Pordenone di un anno fa è sostanziale): 6-2, ospiterà la Lazio ai quarti. La squadra di Bucchi trova due gol con Insigne e Bandinelli. Il tecnico ha analizzato anche la situazione di Miranda: "Ci sono voci, amicizie che fanno uscire delle cose".

Tennistico il punteggio, con i nerazzurri che hanno surclassato gli ospiti per 6-2.

Anche l'amministratore delegato dell'Inter Beppe Marotta, ai microfoni della Rai nel pre-partita di Inter-Benevento ha esternato le sue perplessità con queste parole: "Sappiamo che oggi c'è un fattore ambientale particolare e inedito, dobbiamo essere più motivati. Nessuno ha i soldi per pagare Skriniar, resta qui: è un giocatore fuori prezzo per tutti". "Dal punto di vista tattico e delle scelte abbiamo talvolta sofferto". Dunque vedremo il Benevento schierato con un 3-5-2 che prevede Montipò a guardia della porta, Volta, Antei e Di Chiara in difesa. "La maggioranza non ha ululato ma un suo diritto e' stato calpestato".

Di tutt'altro livello il palcoscenico del Meazza, in uno scenario, purtroppo, surreale: dopo i fatti di Inter-Napoli la sfida si è infatti giocata a porte chiuse. Non è lo spettacolo che andiamo a richiamare: se di spettacolo si parla, è perché c'è il pubblico che viene allo stadio e si diverte. "Una bella soddisfazione per me". Mi alleno sempre al massimo per sfruttare le occasioni e farmi trovare pronto. Sono contento per la mia prestazione e per quella della squadra, ora testa al campionato.

Sono stati esposti all'esterno dello stadio San Siro due striscioni dal contenuto perentorio e inequivocabile, prima di Inter-Benevento valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia. "Per noi sarebbe importante giocare una finale dopo tanto tempo".

Altre Notizie