Salvataggio Carige, "Vergognatevi", Renzi contro Salvini e Di Maio - Politica Roma

Carige, Scanzi: 'Consiglio al Pd: non fate mai parlare Boschi e Renzi'

Salva Carige, Lonardo (Fi): "Cambiamento? Prendono in giro"

Se i vice premier Matteo Salvini e Luigi Di Maio difendono il provvedimento, le opposizioni attaccano a testa bassa e c'è anche chi solleva il sospetto di un conflitto di interessi del presidente Conte.

Intanto la Commissione Ue "prende nota dell'adozione del decreto" su Banca Carige ed "è in contatto con le autorità italiane, pronta a discutere con loro della disponibilità di strumenti, sempre nel quadro degli strumenti europei": così il portavoce del presidente della Commissione Jean Claude Juncker risponde a chi gli chiede un commento sul decreto approvato ieri dal Cdm a sostegno di Carige. Giusto, serve ai risparmiatori - così lo stesso Renzi -.

"Ps: ma secondo voi se stessimo aiutando le banche i media e questi politici falliti continuerebbero a farci la guerra?" Dice Simona Malpezzi: "Strane coincidenze". Conte è stato poi consulente di Mincione, socio della Carige. In consiglio dei ministri ieri sera Conte ha partecipato al voto? "Ha fatto bene", afferma l'ex presidente del Consiglio, ma "Salvini e Di Maio si devono vergognare" per "quello che hanno detto per anni e anni contro di noi, per le offese e gli insulti". Mincione risulta presidente, sulla questione riguardante la legittimità, da parte della Libyan Post Telecommunications information Technology Company, del controllo su Retelit s.p.a., alla luce delle regole in materia di golden power. "Il rapporto professionale con la società Fiber 4.0 - si sottolinea - si è esaurito con la redazione di questo parere pro-veritate". "Mentre Renzi e Boschi i risparmiatori li hanno ignorati e dimenticati, noi siamo intervenuti subito a loro difesa senza fare favori alle banche, agli stranieri o agli amici degli amici" scrive il leader della Lega in un tweet. Per questo, "non ricorrendo, dunque, le situazioni di conflitto di interesse di cui alla legge 215/2004 e all'art". "Ieri il Governo del cambiamento ha salvato una banca". Per qualcuno si tratta di mero "populismo" al potere, per chi invece governa attraverso la manovra del popolo si è dimostrato di curare unicamente gli interessi dei cittadini e non delle lobby privilegiate in passato. Le banche non erano 'nemici del popolo'.

Altre Notizie