Scontro in volo fra aerei militari Usa

Carri armati vicino confine Russia-Ucraina

Due aerei dell’esercito statunitense si sono scontrati in volo a largo del Giappone: ci sono sei dispersi

A metà ottobre, un MH-60 Seahawk anche appartenendo alla Ronald Reagan si è schiantato fuori il Mare Filippino, poco dopo il decollo, causando infortuni non mortali di una dozzina di marinai.

Sul quotidiano giapponese Yomiuri, venerdì scorso era comparsa la prima notizia di un possibile divieto imposto dal governo; ora si passerebbe alla fase di concretizzazione di tale prospettiva e novità ufficiali potrebbero esserci già lunedì.

Uno dei militari trovati dopo la collisione degli aerei militari degli Stati Uniti al largo delle coste del Giappone è morto, ha scritto su Facebook il terzo corpo della spedizione dei Marines degli Stati Uniti. Altri cinque soldati sono dispersi, le ricerche continuano.

Due uomini sono stati soccorsi dalla marina giapponese subito dopo l'incidente, che ha coinvolto un jet-caccia Hornet FA-18 e un velivolo di rifornimento Hercules KC-130: il primo è in condizioni stabili, mentre non si hanno informazioni del secondo. Le operazioni di soccorso sono in pieno svolgimento. I due aerei erano partiti dalla base di Iwakuni. Lo scontro fra i due velivoli si sarebbe verificato durante la notte, il che rende ancora più complicata l'operazione di rifornimento a bordo. E' stata aperta un'inchiesta interna per ricostruire la completa dinamica di quanto avvenuto.

Altre Notizie