Tensione in Francia alla vigilia della manifestazione dei gilet gialli

Gilet gialli Parigi blindata

Gilet gialli: polizia fa inginocchiare studenti, polemiche

Il clima di violenza spinge la polizia anche a soluzioni estreme con le manette o le mani intesa per un centinaio di ragazzi fatti inginocchiati nel fango e che hanno pure ricevuto qualche commento impertinente di un poliziotto.

Per Benoit Hamon, ex candidato socialista alle presidenziali e ora leader di Generation-S, "questa non è la Repubblica". Le immagini sono state girate dopo i violenti scontri che si sono registrati ieri nella cittadina di banlieue parigina. Due auto e decine di cassonetti sono stati incendiati, il rettorato ha parlato di "bombole di gas" che erano state portate davanti alla scuola e di bottiglie Molotov. Qualcuno, però, ha immortalato le immagini facendole circolare sul web e France Presse ha confermato la notizia. Ma ha aggiunto alla radio Franceinfo che le immagini sono "scioccanti": "E' giusto arrabbiarsi guardando quelle immagini". Ha poi spiegato che le casacche gialle sono circa 10 mila, un numero che, a suo dire, non rappresenta "un popolo".

Macron parlerà soltanto la settimana prossima - Emmanuel Macron si rivolgerà ai francesi sulla crisi dei gilet gialli "all'inizio della settimana prossima": lo ha annunciato il presidente dell'Assemblea nazionale, Richard Ferrand, precisando che il capo dello stato "non vuole gettare olio sul fuoco" alla vigilia della temutissima quarta manifestazione di protesta a Parigi. La Tour Eiffel e molti negozi sugli Champs-Elysees resteranno chiusi in via precauzionale, così come i principali musei, incluso il Louvre.

Le autorità si preparano a "violenze significative" domani a Parigi, dove dovrebbero convergere manifestanti di sinistra e di destra.

Altre Notizie