A Torino arriva Uber

Uber Taxi arriva in Italia si parte da Torino

Uber Taxi arriva in Italia

A Torino l'app di Uber si avvale della collaborazione con i taxi e memore del successo avuto nel 2015 quando, prima di dover sospendere il servizio, ben 350 mila torinesi avevano utilizzato la app di Uber.

"Siamo molto felici di lanciare Uber Taxi per la prima volta in Italia proprio qui a Torino - afferma un portavoce della compagnia -". Come ha detto il nostro CEO recentemente, vogliamo essere partner di lungo periodo per l'Italia e le sue città.

Uber Taxi debutta a Torino e in Italia: dopo Dublino, Berlino, Istanbul, Atene e Dusseldorf, il capoluogo piemontese è la sesta città in Europa ad ospitare il servizio. Uber in effetti è operativo da tempo anche a Roma a Milano, città in cui però si può fare affidamento soltanto su Uber Black, Uber Van e Uber Lux. I benefici per i tassisti comprendono la copertura assicurativa con Axa in caso di malattia o infortunio.

L'iscrizione al servizio Uber Taxi è gratuita, con i tassisti che, per usufruire dei vantaggi, devono versare il 7% del costo di ogni corsa all'azienda americana.

"L'app che abbiamo sviluppato è certamente il frutto dello studio di tutte quelle esistenti sul mercato, ma funziona come noi in ottica di servizio pubblico e di educazione al car-pooling" spiega Alberto Aimone Cat, Presidente di Taxi Torino "Stiamo sperimentando questa tecnologia da mesi ormai e poco a poco i tassisti e i cittadini si stanno abituando ad utilizzarla". I passeggeri avranno a disposizione tutte le funzionalità note di Uber, come la possibilità di avere informazioni sull'autista, dividere il costo della corsa, visualizzare il percorso del proprio spostamento e, grazie al sistema di anonimato, passeggeri e autisti potranno mettersi in contatto telefonicamente o via chat senza condividere il proprio numero di telefono. Dopo aver scaricato l'app, basta inserire la propria meta. Il colosso statunitense ha provato a rompere il monopolio cercando di diventare l'alternativa economica ai taxi, puntando su servizi e comodità d'uso e sfruttando le lacune dei taxi tradizionali, ma non è riuscita a vincere. Se non riesci a sconfiggerli, meglio allearsi con loro.

Altre Notizie