Ecotassa, è scontro. Salvini contrario, Di Maio: "Miglioriamola"

Montecitorio

Montecitorio

Lo ha detto il vicepremier e ministro Luigi Di Maio ai microfoni di Radio 24, spiegando che "a quota 100 non aderirà il 100% della platea potenziale e il reddito di cittadinanza partendo da marzo costa un po' meno". Visto che - ha osservato - i livelli di inquinamento, soprattutto al Nord, sono spaventosi, perché non premiare chi decide di comprare un'auto nuova meno inquinante, dandogli un incentivo fino a 6000 euro? "Con me non passerà mai". Abbiamo pensato una norma - ha continuato - per aiutare chi decide di comprare un'auto ibrida, elettrica o a metano.

Una marcia indietro condivisa fino a un certo punto dal sottosegretario all'Economia, Laura Castelli che ha chiamato in causa il contratto: "La volontà del governo è quella di tenerla. - ha detto parlando della tassa - Sta nel contratto di governo". "Questa è l'idea della norma pensata dal governo, che disincentiva chi sceglie un'auto più inquinante". A mediare, come sempre, è quindi intervenuto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ha invocato "un supplemento di riflessione", rinviando la spinosa questione "ai prossimi giorni".

Di Maio ha inoltre sottolineato che "la pensione di cittadinanza si rivolgerà anche ai disabili, agli invalidi: tutti coloro che hanno una pensione di invalidità sotto i 780 euro e vivono da soli riceveranno 780 euro" al mese. Anche stavolta c'è di mezzo una manina senza arto né corpo: la norma è apparsa a copertura di un emendamento leghista a "sostegno dei pescatori nel fermo biologico".

Apparsa nella manovra di bilancio italiano una nuova tassa ecologica sulle auto più inquinanti. L'emendamento approvato nella tarda serata di martedì prevede da una parte incentivi alle auto a basse emissioni, a gas, ibride o elettriche, e dall'altra l'introduzione di una nuova tassa "parametrata al numero dei grammi di biossido di carbonio emessi per chilometro, eccedenti la soglia di 110 CO2 g/km".

Nello stesso emendamento è però prevista anche un'ecotassa dai 150 a 3mila euro per chi opta per un'auto a benzina o diesel, con emissioni superiori a 110 grammi al chilometro. Della gamma Volkswagen non si salverebbe alcun veicolo. Ad annunciare ieri le nuove norme contenute nella manovra, una nota congiunta del sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti, Michele Dell'Orco, e il sottosegretario allo Sviluppo economico, Davide Crippa."Con l'approvazione di un emendamento alla legge di Bilancio - si legge - è stato introdotto per la prima volta in Italia un contributo per l'acquisto di autovetture, basato sul meccanismo del bonus/malus ecologico". Insomma il leader del Carroccio punta assai sulla manifestazione di domani - "Mi spetto 100mila persone" - e l'importanza strategica che Salvini attribuisce a questo evento si salda alla seconda iniziativa di questo week end di passione deciso dal vicepremier.

Altre Notizie