Fca, un anno di cassa straordinaria a Mirafiori

Mirafiori 3mila in cassa integrazione

Mirafiori, 3000 in cassa integrazione

E' stato firmato il 3 dicembre, al Ministero dello Sviluppo Economico, l'accordo di riorganizzazione aziendale che coinvolgerà tutti i 3245 operai di Mirafiori (TO), che, a partire dal 31 dicembre, a turno, saranno in cassa integrazione per un anno.

Il lungo stop servirà alla riconversione dello storico stabilimento, destinato alla produzione della 500 elettrica. Lo annuncia una nota dela Uilm Torino in cui si sottolinea che gli ammortizzatori sociali saranno utilizzati per l'avvio produttivo della 500 Elettrica e per la necessaria formazione dei lavoratori, oltre che per fronteggiare il calo delle commesse registrato nell'ultimo periodo per i tre modelli Maserati prodotti alle Carrozzerie di Mirafiori e all'Agap di Gruglisco (Levante, Ghibli e Quattroporte). Per 2.445 lavoratori il provvedimento sarà attivo a partire dal 1° gennaio 2019, mentre gli altri 800 seguiranno a partire dal 4 marzo. Il modello, secondo quanto dichiarato dall'azienda, consentirà di raggiungere l'obiettivo della piena occupazione nel Polo torinese.

"Sarà nostro compito vigilare affinché gli impegni assunti da Fca vengano concretizzati nei fatti", ha commentato Dario Basso, segretario della Uilm di Torino. La gestione operativa, come la rotazione, l'equilibrio tra giornate di cig e di lavoro per i singoli lavoratori, già anticipati dall'azienda, saranno frutto di confronto con l'esecutivo delle Rds di Mirafiori. "La cosa viene passata come un necessario intervento per impedire licenziamenti massivi; la verità è che si tratta dell'ennesima marchetta ad una multinazionale, che vede finanziata una ristrutturazione con i soldi dei contribuenti italiani". "Siamo alla concreta ripartenza", aggiunge Claudio Chiarle della Fim.

La 500 Elettrica fa parte di un piano che prevede 5 miliardi di investimenti in Italia fino al 2021 per la produzione di quattro nuovi modelli e tredici conversioni in EV o ibride di modelli attuali.

Altre Notizie