Nuovo congedo per le neomamme, si può lavorare fino al parto

Cambia il congedo di maternità: si potrà lavorare fino al nono mese di gravidanza

Manovra, nuovo congedo di maternità: si potrà lavorare fino al parto

Quanto previsto in merito al congedo per le neomamme lavoratrici, ha concluso Taddei, "è un ulteriore colpo ai diritti delle donne, alle loro tutele, per questo chiediamo che nel passaggio al Senato questa norma venga modificata". Previa autorizzazione del medico, le future mamme che lo vorranno potranno lavorare fino al nono mese e far slittare i cinque mesi di congedo obbligatorio a dopo la nascita del bebé.

Il nuovo sistema è stato proposto come 'alternativa' a quello attualmente in vigore, che impone invece l'obbligo di astensione da uno a due mesi prima della nascita del bambino.

Nel testo si spiega che "è riconosciuta alle lavoratrici la facoltà di astenersi dal lavoro esclusivamente dopo l'evento del parto entro i cinque mesi successivi allo stesso, a condizione che il medico specialista del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato e il medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro attestino che tale opzione non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro".

Tra le novità anche il bonus asili nido, che sale da 1.000 a 1.500 euro annui mentre viene esteso fino al 2021 il bonus per l'iscrizione agli asili nido pubblici o privati. A partire dal 2022 sarà invece un Dpcm a determinare l'importo, comunque non inferiore a 1.000 euro su base annua.

Altre Notizie