Ryanair e Wizz Air contro lAntitrust

Ryanair e Wizz Air sfidano l’Antitrust bagagli a mano ancora a pagamento

Bagagli, Antitrust bacchetta Ryanair

La miccia innescata dal comunicato emesso dall'Authority lo scorso 19 ottobre - che include anche la medesima misura introdotta da Wizz Air - non tende a spegnersi.

Ryanair e Wizz Air ignorano il provvedimento dell'Antitrust sulla sospensione del supplemento per il bagaglio a mano e l'Autorità decide di avviare due procedimenti di "inottemperanza" ai provvedimenti cautelari emessi il 31 ottobre 2018 nei confronti nelle due compagnie. Ieri il nuovo intervento dell'Autorità, legato al fatto che le compagnie aeree non hanno rispettato le disposizioni in merito ai bagagli a mano. Ora ci vogliono sanzioni esemplari!

Dal 1° novembre difatti sarebbe dovuta entrare in vigore la nuova policy bagagli a mano delle due compagnie low-cost, che prevede la possibilità di trasportare gratuitamente una sola borsa piccola, da collocare esclusivamente nello spazio sottostante i sedili, mentre è richiesto un supplemento di prezzo per il bagaglio a mano (trolley), che rappresenta tuttavia un onere non eventuale e prevedibile per il consumatore che dovrebbe essere ricompreso nella tariffa standard. Non è possibile che nel nostro Paese le sospensive e le delibere dell'Antitrust siano sistematicamente violate, dalle compagnie aeree a quelle telefoniche.

Dopo le multe alle compagnie aeree Ryanair e Wizz Air, l'associazione a tutela dei consumatori Codici annuncia azioni collettive.

Ha qualcosa da dire su Ryanair anche Federconsumatori, che giudica quello del vettore a basso costo irlandese un "atteggiamento che, con un sottile eufemismo, si potrebbe definire poco collaborativo. Per questo, però, urge anche una modifica legislativa, che innalzi il potere sanzionatorio delle Authority, stabilendo ad esempio il principio di sanzioni sempre superiori all'illecito guadagno".

"Invitiamo tutti gli utenti coinvolti a rivolgersi al Codacons, prima associazione che in Italia ha denunciato l'ingiusta politica sui bagagli delle due compagnie, per ottenere la restituzione delle somme pagate, e se i due vettori non daranno seguito alle richieste dei passeggeri, sarà inevitabile ricorrere alle aule di giustizia".

Altre Notizie