Lo spread resta alto. Salvini: ''La manovra non cambia''

Salvini Nessuno ci fermerà su riforma Fornero

Pil Italia 2019, Fmi e Bankitalia ‘contro’ il Governo/ “Fornero e Jobs Act rimangano”: caos su stime crescita

"Nessun italiano ha mai votato per la Fornero - ha proseguito il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico - È stato un esproprio di diritti e democrazia che viene rimborsato". Intanto, il presidente della Camera Roberto Fico, intervistato dal Corriere della Sera, invita ad abbassare i toni e si augura "che su tutti i provvedimenti ci sia un dialogo costruttivo fra maggioranza e opposizione". Ma i due vicepremier, Matteo Salvini e Luigi Di Maio, su questo fronte veri gemelli siamesi, rispondono picche: "Se Bankitalia vuole un governo che non tocchi la Fornero - dice secco il leader pentastellato - la prossima si volta si presenti alle elezioni con questo programma". Usa parole che in un certo senso ricordano quei "sacrifici" che in quel 2011 furono così difficili da pronunciare per l'allora ministro Elsa Fornero, tanto che, parlandone, scoppiò in lacrime. Si poteva continuare con la precedente riforma ma ci sarebbe voluta una cosa che manca alla politica: "l'onestà dell'intelligenza". Noi eravamo partecipi della gravissima difficoltà che stava attraversando l'Italia. "Noi vogliamo essere promossi dai cittadini italiani non da altri", ha detto ancora Di Maio. "Ci hanno mai azzeccato?". Ma anche la crescita è sovrastimata, è la bacchettata dell'Upb che decide di non validare il quadro programmatico messo a punto dal governo ammonendo sui rischi di un giudizio negativo da parte di Bruxelles. Promettere non è sempre saggio e può portare a conseguenze piuttosto sgradite.

Ma a quali sacrifici dovranno essere pronti gli italiani?"Matteo Salvini ha in mente che gli italiani, che sono dei risparmiatori, corrano a comprare dei titoli del debito pubblico e lo facciano con entusiasmo. Se qualcuno continua a speculare sull'Italia, sbaglia a farlo". Martedì, però, il differenziale tra Btp e Bund a dieci anni è schizzato oltre quota 315 punti, con i titoli italiani che sono arrivati a pagare il 3,69%, record dal 2013. "Andiamo avanti tranquilli, l'economia crescerà anche grazie alla modifica della legge Fornero, un'opera di giustizia sociale che creerà tanti nuovi posti di lavoro". Questo governo invece non fa una riforma ma una controriforma.

Altre Notizie