Bankitalia-Upb, stop al Def Governo, piano anti spread dimensione font +

Pierpaolo Scavuzzo  AGF

Pierpaolo Scavuzzo AGF

Lo dice durante un'audizione alla Camera sulla manovra il vice direttore generale della Banca d'Italia Luigi Federico Signorini. E in ogni caso "il perseguimento dell'obiettivo di protezione sociale a cui punta il reddito di cittadinanza non deve disincentivare l'offerta di lavoro". Al debito pubblico, ha ricordato Signorini, "fa riferimento una parte importante del nostro risparmio".

Gli azionisti di Banca d'Italia sono le banche (oggi private) che discendono dagli istituti di credito (all'epoca pubblici) che nel corso del tempo sono entrati nel suo capitale. Anche lo stop all'Iva dovrebbe avere "un effetto limitato".

A queste parole ha voluto subito rispondere il vicepremier Di Maio che ha twittato: "Se Bankitalia vuole un governo che non tocca la Fornero, la prossima volta si presenti alle elezioni con questo programma".

"Lo spread vola perché qualcuno non sta facendo bene il proprio compito - conclude Savona riferendosi a Mario Draghi - abbiamo bisogno di qualcuno che governi la stabilità bancaria e finanziaria". "La sostenibilità del sistema è un fondamentale elemento di forza delle finanze pubbliche italiane". "La nota - ha detto il vicedirettore di Bankitalia - sottolinea giustamente che le riforme pensionistiche introdotte negli ultimi 20 anni hanno significativamente migliorato sia la sostenibilità sia l'equità intergenerazionale del sistema pensionistico italiano". È fondamentale quindi "non tornare indietro su questi due fronti, soprattutto quando - come viene messo in evidenza dalle ultime previsioni di lungo periodo della Commissione europea sulla spesa connessa all'invecchiamento della popolazione - i rischi per la sostenibilità dei conti pubblici aumentano anche a causa del peggioramento delle proiezioni demografiche". Secondo Bankitalia, "l'impatto previsto" dai provvedimenti "inclusi nella Manovra" è "elevato; la stima del governo presuppone che i valori dei moltiplicatori delle misure espansive siano superiori a quanto generalmente stimato per l'Italia e che le misure delineate forniscano uno stimolo all'attività già fin dai primissimi mesi dell'anno". Nessun italiano ha mai votato per la Fornero.

Sulla Manovra è intervenuto anche il ministro Paolo Savona ai microfoni di Porta a Porta: "Se lo spread continua ad aumentare saremo costretti a cambiare. Indietro non si torna".

Altre Notizie