Salvini: No a charter migranti

La cancelliera tedesca Angela Merkel

La cancelliera tedesca Angela Merkel

"Se qualcuno, a Berlino o a Bruxelles, pensa di scaricare in Italia decine di immigrati con dei voli charter non autorizzati, sappia che non c'è e non ci sarà nessun aeroporto disponibile". E aggiunge:"Chiudiamo gli aeroporti come abbiamo chiuso i porti". A quanto sembra, almeno per il momento, l'accordo sui ricollocamenti e sui respingimenti, tanto caldeggiato dal ministro dell'Interno tedesco Horst Seehofer, quanto respinto da Matteo Salvini, non sembra aver portato buoni risultati. Nei giorni scorsi la Germania aveva ipotizzato dei voli charter per rimandare i migranti nei Paesi di primo accesso, così come prevedono i trattati. Lo ha detto a Potenza il vicepremier Luigi Di Maio rispondendo alle domande dei giornalisti. Se a Riace un caso di matrimonio di comodo ha portato agli arresti domiciliari Mimmo Lucano, accusato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, è oggi il quotidiano La Verità a fornire i dati di quella che in Italia è una pratica diffusa: non esistono statistiche ufficiali, ma si stimano 2.700 unioni finte all'anno, praticamente 7 al giorno.

Torna a salire la tensione tra Italia e Germania sul tema dei rimpatri di migranti. Sia in Germania che in Francia se ne trovano in grande quantità: in Germania ce ne sono 40mila, mentre in Francia 15mila. Lo dice il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno Matteo Salvini. E ora pizzicato col sorcio in bocca da quei cattivoni di Repubblica fa il ganassa?

Il ministero dell'Interno ha però smentito questa ricostruzione: "Non ci risulta che il governo tedesco ci stia riportando un numero di 'dublinanti' superiore al passato". È possibile che vengano programmati voli di rimpatri verso l'Italia, senza un'autorizzazione preventiva italiana?

Intanto martedì 9 ottobre è programmato il primo volo charter con, a bordo, 40 migranti.

Altre Notizie