Pesci nel Mar Morto: è un presagio della fine del mondo

Pesci nel Mar Morto come nella Bibbia.

L'immagine scattata da Noam Bedein per il Dead Sea Revival Project mostrerebbe pesci nel Mar Morto

Il nome di molti mari talvolta è legato alle caratteristiche cromatiche che assume, mentre il Mar Morto si chiama in questo modo perché le sue acque godono di un tasso di salinità talmente elevato da non permettere la vita. Fatto sta che in diverse testate israeliane come Breaking Israel News nella foto si riporta la dicitura "Credit: Noam Bedein/Dead Sea Revival Project", cosa che potrebbe far pensare che egli stesso sia stato contattato e si sia attribuito l'immagine. Scoperte nel 2011, esse sono tappezzate di microrganismi e adesso conterrebbero anche pesci e alghe.

Bedein e il suo team hanno documentato i cambiamenti nel Mar Morto negli ultimi due anni, e ha spiegato: "In un luogo che era stato maledetto ai tempi della Bibbia - ha detto al Daily Star -, ora si possono esplorare le doline e, dove l'acqua si è ritirata, vedere i pesci così come detto nella profezia di Ezechiele".

Secondo la sua profezia, l'acqua scorrerà a est da Gerusalemme nel Mar Morto, riempiendolo di pesci e del deserto.

Nella Bibbia è scritto che Dio trasformò la zona in una landa desolata e sterile, dopo aver distrutto Sodoma e Gomorra, che si ergevano in quella zona.

Il Mar Morto sta morendo?

Aspettarsi la vita nel Mar Morto, situato nel punto più basso della Terra a 400 metri sotto il livello del mare, non è quindi cosa semplice. Noam Bedin ha fotografato il fenomeno. Profezie catastrofiche a parte quello che realmente preoccupa riguardo lo stato di salute del Mar Morto è nelle parole di Bedein: "Il Mar Morto perde ogni giorno l'equivalente di 600 piscine olimpiche di acqua". Un evento che per Noam è un vera e propria "catastrofe ambientale". Secondo lo scienziato Ben Zaken per salvare il Mar Morto dobbiamo riempire il Mare di Galilea, la fonte d'acqua che è già in uno stato di disastro ecologico. Ma che cosa diceva esattamente la profezia di Ezechiele?

Per approfondire: Il Mar Morto è a corto d'acqua.

La scoperta avrebbe dell'assurdo e si è immediatamente scatenato il panico con un tam tam in rete e non solo.

In passato, fiumi e torrenti, soprattutto il Giordano, riversavano le acque dolci nel Mar Morto ma dagli anni Cinquanta le autorità di Amman ne hanno deviato il corso per raccogliere acqua potabile.

Al momento sono al vaglio una serie di soluzioni, tra cui il canale "Red-Dead", un sistema di desalinizzazione da Aqaba, in Giordania e un impianto di desalinizzazione nel Golfo di Eilat che darebbe acqua alla Giordania, idee discusse come parte degli accordi di pace che avrebbero dovuto essere attualizzate 9 mesi fa ma che sono ancora ferme a causa di complicazioni politiche.

Altre Notizie