Ryanair: il 28/9 sciopero europeo personale bordo - Giornale di Sicilia

Ryanair, sindacati: “Sciopero in cinque Paesi il 28 settembre”

Ryanair, il 28 settembre sciopero europeo degli assistenti di volo

Gli assistenti di volo Ryanair hanno deciso di scioperare nuovamente venerdì 28 settembre, come ha annunciato nella mattinata di giovedì il sindacato Cne, confermando le indiscrezioni dei giorni scorsi. La loro richiesta è semplice: "Gli stati devono obbligare Ryanair a rispettare la legge, come viene fatto nei confronti delle altre imprese multinazionali".

Poco dopo l'annuncio dello sciopero del 28 settembre è arrivata la risposta della compagnia aerea, attraverso una nota del direttore marketing, Kenny Jacobs: "La maggioranza dei voli e dei servizi Ryanair funzionerà normalmente e trasporteremo la stragrande maggioranza dei 400mila passeggeri attesi quel giorno".

La reazione della compagnia irlandese non si è fatta attendere. "Il movimento si sta rafforzando", ha avvertito il sindacato belga CNE. "Lo chiediamo anche alla Commissione europea, con cui ci incontreremo oggi pomeriggio alle 15", hanno spiegato i rappresentanti sindacali nel corso di una conferenza stampa svoltasi a Bruxelles. Oltre ai piloti che sono alle dipendenze dirette di Ryanair, erano coinvolti nel referendum anche quelli delle agenzie di lavoro interinale che ad essa fanno riferimento, a tempo indeterminato o determinato. Si è trattato solamente di una sorta di antipasto, visto che a breve ci sarà uno sciopero a livello europeo, che coinvolgerà anche l'Italia. Non è bastata un'estate di trattative con il management della compagnia a mettere un argine alla situazione, e alla fine la frustrazione del personale è sfociata in un'escalation di proteste che il 28 settembre raggiungerà il suo apice. Ryanair comunque non si scompone, e contesta i "foschi e inaccurati titoli di stampa che riferiscono di un caos nei viaggi". Secondo Ryanair solo "una piccola minoranza" del personale di bordo ha proclamato la protesta.

Altre Notizie