Caporalato, oggi la marcia dei braccianti a Foggia Breaking news , Cronaca

Il vicepremier Luigi Di Maio

Il vicepremier Luigi Di Maio

Rimane sullo sfondo il tema dei controlli. Palesi difficoltà organizzative e applicative per la polverizzazione di aziende agricole di piccole dimensioni non hanno consentito, infatti, al Decreto Interministeriale 27 marzo 2013 sulla Semplificazione in materia di informazione, formazione e sorveglianza sanitaria dei lavoratori stagionali del settore agricolo, di essere un valido punto di riferimento per tutelare la salute in maniera completa e puntuale della mano d'opera di questo delicato comparto. La Commissione d'inchiesta, in linea con gli impegni assunti con le precedenti relazioni, ha proseguito il monitoraggio dello sfruttamento del lavoro in vari campi dell'attività lavorativa. Quasi nessuno, però, si è chiesto cosa ci sia dietro, almeno finora. È vero quel che dice Casaleggio, la democrazia non è solo il parlamento. "Lo sfruttamento dei braccianti agricoli è un fenomeno noto a tutti". Tra una stagione di sfruttamento e di rinascita dei diritti.

"Io credo - è convinto Vaccaro - che ci sia bisogno di interventi straordinari per risolvere una situazione divenuta tragica, insostenibile". Nella legge è prevista l'estensione delle denunce da parte dei lavoratori. Secondo i numeri forniti dal centro studi del sindacato, sarebbero oltre 30mila le aziende agricole che fanno uso di manodopera in nero in Italia, tramite la rete del caporalato.

"Il caporalato va estirpato controllando azienda per azienda". Per avere un'idea della dimensione del fenomeno basta questa cifra: nel 2018 nel Foggiano sono stati sequestrati ben 300 furgoni irregolari con targa bulgara, ai quali vengono in genere togli i sedili per aumentarne la capienza. Se i fatti sono commessi mediante violenza o minaccia, si applica la pena della reclusione da cinque a otto anni e la multa da 1.000 a 2.000 euro per ciascun lavoratore reclutato.

Di Maio ha anche confermato che in legge di bilancio ci saranno le prime misure per il superamento della legge Fornero sulle pensioni e un taglio del cuneo fiscale per incentivare i contratti a tempo indeterminato.

In agricoltura, prezzi bassi favoriscono l'acquisto della merce. "Ma una mera consultazione del numero di domande giunte soprattutto da quelle province in cui è maggiormente diffuso lo sfruttamento". Suggerimenti concreti sono indicati nella Convenzione n.184 del 2011 dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro di Ginevra su "Salute e Sicurezza nell'Agricoltura".

Lo stesso si può dire per quanto riguarda il Piano d'Azione nazionale e quelli di livello locale per la sistemazione logistica e il supporto dei lavoratori, in cui l'esigenza di coordinamento interministeriale, come spesso accade nel nostro paese, blocca piuttosto che facilitare l'identificazione di soluzioni in tempi rapidi. Così pure viene richiamata l'attenzione sulla pianificazione dell'orario lavorativo alla base della stanchezza e distrazione in particolare nel periodo estivo.

Altre Notizie