Giornata Mondiale Donatore di Sangue: aperture straordinarie a Salerno

Giornata Mondiale Donatore di Sangue: aperture straordinarie a Salerno

Giornata Mondiale Donatore di Sangue: aperture straordinarie a Salerno

Per quanto riguarda il numero di donazioni, nel 2017 ne sono state effettuate in tutto 3.006.726, 30mila in meno rispetto all'anno precedente.

PERUGIA - "Be there for someone else. Give blood, share life". A raccontarlo sono i dati raccolti dal Centro Nazionale Sangue dell'ISS e presentati insieme a una campagna di sensibilizzazione realizzata con il CIVIS, il Coordinamento delle Associazioni di volontari del dono di sangue. Questo lo slogan scelto dall'Organizzazione mondiale della sanità per l'edizione 2018.

A donare il sangue nel 2017 sono stati poco più di un milione e 680mila, in calo di ottomila unità rispetto al 2016. "Ciò significa - fanno sapere da Avis Guagnano - che, ad oggi, non ci sono alternative alle donazioni".Chi dona il sangue fa battere molti cuori!

Tra gli eventi organizzati da Avis nel savonese quello del 14 giugno, proprio a Savona, in piazza Sisto IV per sensibilizzerà e informare sulla donazione del sangue. Quasi il 50 per cento di queste avviene nei Paesi sviluppati, dove si concentra solo il 15 per cento del totale della popolazione mondiale (fonti OMS).

Il tasso di donazione di sangue è di 32,1 donazioni per 1000 abitanti nei paesi ad alto reddito, 14,9 donazioni nei paesi a reddito medio-alto, 7,8 donazioni nei paesi a reddito medio-basso e 4,6 donazioni nei paesi a basso reddito. Per questo i donatori di sangue sono una risorsa preziosa per la medicina, così come lo sono i grandi chirurgi, i bravi anestesisti, i medici di qualità. Le differenze regionali tuttavia sono ancora marcate, e in alcuni casi si assiste a carene periodiche, specie nei mesi estivi e in quelli di picco per l'influenza. Il ministero della Salute ha inserito per la prima volta i donatori di sangue tra le categorie per cui è possibile offrire gratuitamente il vaccino antinfluenzale. Pertanto invitiamo tutti a recarsi presso la sala prelievi del Centro Trasfusionale del Brotzu o in centro prelievi a voi più vicino o all'Avis.

Punta di diamante delle regioni italiane è l'Emilia Romagna.

L'Amministratore ha voluto sottolineare come "sentimenti di amore e solidarietà rappresentano da sempre l'energia emotiva e morale che da un senso ai legami sociali".

Complessivamente stabili i nuovi donatori: 16.171 nel 2017 rispetto ai 16.634 nel 2016. Il 31% dei donatori è donna. Si è registrato un lieve calo delle unità raccolte, che però è associato ad una diminuzione delle unità trasfuse. Il Centro regionale sta lavorando assieme alle Aziende sanitarie dell'Emilia Romagna per promuovere il buon uso del sangue, ovvero un utilizzo appropriato alle necessità e alle condizioni del paziente.

Attualmente la donazione di sangue ed emocomponenti è un atto volontario, anonimo e responsabile. Ed è necessario continuare nell'attività di sensibilizzazione delle nuove generazioni affinché comprendano l'importanza di questo gesto.

Altre Notizie