Malori a Pescara: responsabile un batterio della carne noto come Campylobacter

Pescara salgono a 180 i bambini intossicati esclusa la salmonella colpa di un batterio della carne

Malori a Pescara: responsabile un batterio della carne noto come Campylobacter

Sale a 120, il numero di bambini che fino ad oggi hanno avvertito sintomi da intossicazione alimentare e si sono presentate in pronto soccorso all'ospedale di Pescara. Delle 17 coprocolture in corso nel laboratorio della Asl di Pescara sui campioni prelevati, infatti, 13 hanno già dato esito positivo al Campylobacter e le restanti potrebbero darlo nelle prossime ore.

In attesa di conoscere i risultati degli esami che diranno qualcosa in più sui malori che nei giorni scorsi hanno colpito i bambini a Pescara, il sindaco Marco Alessandrini, ha stabilito la sospensione del servizio mensa nelle scuole finché non sarà chiarita la natura delle infezioni. Coinvolte sono sei o sette scuole della città con bambini residenti n zone diverse del capoluogo adriatico. I piccoli sono stati già trattati con terapie adatte al batterio individuato e rispondo bene alle cure.

La carne di pollo è quella che rischia di provocare maggiori problemi e la contaminazione non deve arrivare necessariamente dal consumo della carne, in quanto il batterio muore con la cottura, ma può avvenire anche dal contatto con posate, taglieri e altri strumenti di preparazione che poi vengono usati per preparare anche altri piatti crudi o poco cotti (ad esempio insalate o per tagliare pane ecc). "Il batterio Campylobacter Jejuni, che trova diffusione attraverso alimenti - conclude la nota - è per sua natura autolimitante e cioè soggetto ad auto estinzione, ed è sensibile ad antibiotici a largo spettro e a eritromicine e macrolidi".

Il Campylobacter è una delle malattie batteriche goatrointestinali più diffuse in tutto il mondo, il suo tasso di incidenza, in alcuni Paesi europei ha superato quello della salmonellosi.

Unimamme, voi eravate a conoscenza di questa intossicazione di cui si parla su Il fatto?

Altre Notizie