Palermo, altra aggressione all'ospedale Civico

Palermo, Ospedale Civico: ennesima aggressione a un infermiere

Brancaccio, rubano rame ma prendono la scossa Sono un palermitano e un ghanese, ora al Civico

È il nono episodio di violenza in due mesi e mezzo. Al Civico di Palermo un operatore sanitario è stato colpito con un pugno in faccia. L'aggressione ai danni di un paramedico, 45 anni che opera nel reparto di Oncologia dell'ospedale Civico di Palermo. Nel tardo pomeriggio di ieri sono state allertate le forze dell'ordine: secondo una prima ricostruzione, l'operatore avrebbe soltanto respinto il tentativo di un uomo di accedere al di fuori dell'orario di visite. Dopo aver sferrato un pugno al volto all'infermiere, che ha dovuto ricorrere alle cure mediche, l'aggressore si è dato alla fuga. I poliziotti intervenuti in ospedale hanno raccolto le testimonianze della vittima e di altri presenti.

"Un'ingiustificabile aggressione ad un operatore sanitario, lontano dall'area d'emergenza, che mette in dubbio - dichiara Giovanni Migliore, commissario dell'Arnas Civico e vicepresidente Fiaso - la potestà genitoriale perché accaduta in presenza di bambini, tra l'altro in un reparto con pazienti anche in fase terminale". Lo dichiara il segretario generale della Cisl Fp Palermo Trapani, Lorenzo Geraci, che prosegue: "Si assiste a un'escalation di violenza nei confronti del personale che lavora nelle strutture ospedaliere cittadine".

Altre Notizie