Fuori tacchi; il gesto di Kristen Stewart

Andrea Damante al Festival di Cannes – Realtà o Photoshop?

Andrea Damante e l'abuso di photoshop al Festival di Cannes? [FOTO]

Torna su Diamantino in una nuvola rosa scintillante circondata da giganteschi barboncini che rimbalzano, un'immagine che evoca le figure pastello super kitsch che si trovano sui copricuscino della nonna. La piccola ribellione della giovane attrice statunitense sta raccogliendo molti consensi sui social, ma certamente Stewart non è la prima ad aver fatto un gesto del genere: prima di lei Julia Roberts e Isabella Rossellini avevano percorso scalze il red carpet di Cannes. Dalla coppia più famosa di Spagna, composta da Penèlope Cruz e Javier Bardem, che ha inaugurato il Festival e si è mostrata ai fotografi più complice che mai, a Chiara Ferragni e Fedez, che hanno sfilato innamoratissimi e al bacio.

Innanzitutto c'è chi lo accusa di aver fatto un fotomontaggio, volto a farlo comparire in un posto dove non dovrebbe stare... E non è certo una che si fa mettere i piedi in testa, anzi.

L'Italian Movie Award, Festival Internazionale del Cinema, tra i più importanti premi di cinema riconosciuti all'estero, giunge quest'anno al suo decimo anniversario: un traguardo importante che sarà celebrato con un'edizione speciale, dal 29 luglio al 6 agosto 2018 nella storica città di Pompei.

Andrea Damante al Festival di Cannes – Realtà o Photoshop?

Deve aver provato queste sensazioni Kristen Stewart, che l'altra sera ha deciso di togliersi pubblicamente un paio di meravigliose Louboutin nere dal tacco vertiginoso per essere più comoda nel percorrere il tapis rouge del Festival di Cannes, e soprattutto per salire senza intoppi le famose marches di accesso al Grand Theatre Lumiére.

Il Festival di Cannes è un festival cinematografico che si svolge annualmente, a maggio, per la durata di due settimane, al Palais des Festivals et des Congrès della città di Cannes. E per i veri cultori un classico senza tempo: "2001: Odissea nello spazio" proiettato in 70 mm in una copia ottenuta dal negativo originale attraverso un procedimento di ricreazione fotochimica, senza ritocchi digitali o modifiche al montaggio, che restituirà al pubblico l'esperienza della prima proiezione del film risalente a 50 anni fa.

Altre Notizie