Allarme smog a Como, il Codacons: commissariare il sindaco

Allarme smog a Como, il Codacons: commissariare il sindaco

Allarme smog a Como, il Codacons: commissariare il sindaco

E quindi pure per quella di Alessandria, per via dello smog.

L'associazione che difende consumatori ed ambiente nei prossimi giorni presenterà un esposto alle Procure competenti e ai prefetti, chidendo che si prendano dei provvedimenti, a partire, per l'appunto, dal commissariamento. Coinvolte tutte le amministrazioni che nel corso del 2017 hanno sforato i limiti annuali di polveri sottili nell'aria, "mettendo così a rischio la salute della popolazione".

In base ai dati forniti ieri da Legambiente, con il report Mal'Aria, ben 6 capoluoghi di provincia del Piemonte, su 8, sarebbero fuorilegge (Alessandria, Torino, Biella, Novara, Vercelli e Asti), per avere superato il limite massimo annuale di 35 giorni di sforamento dei 50 mcg/mc. Sì, è vero, - ammette il leader di Codacons - già da anni le procure contro i sindaci e le inchieste finiscono nel nulla, ma adesso il contesto è cambiato, l'Europa ha messo in mora il governo sull'inquinamento in Pianura padana. "Una situazione di emergenza che non può più essere tollerata - prosegue l'associazione- e che richiede l'intervento urgente degli organi preposti".

Con la giornata di ieri arrivano a sette i giorni consecutivi di superamento dei limiti previsti per le concentrazioni di polveri sottili (Pm10), una situazione a dir poco allarmante dal punto di vista sanitario, come confermano puntualmente medici e pediatri di famiglia che denunciano da tempo "i seri rischi per tutta la popolazione, a cominciare da bambini, anziani e persone con malattia cardiologiche e respiratorie".

Altre Notizie