Si fa selfie su Facebook con l'amica, poi la strangola/ Canada, incastrata dalla foto: condannata a 7 anni

Si fa selfie su Facebook con l'amica, poi la strangola/ Canada, incastrata dalla foto: condannata a 7 anni

Si fa selfie su Facebook con l'amica, poi la strangola/ Canada, incastrata dalla foto: condannata a 7 anni

Prima si fa un selfie con l'amica per condividerlo su Facebook, poi la strangola con la cintura indossata nella foto. Cheyenne ha ucciso Brittney Garol, una sua amica. Incriminata per omicidio in Canada è una ventunenne, Cheyenne Rose Antoine, che è stata incastrata dallo scatto pubblicato su Facebook.

Per via degli evidenti rimorsi, i giudici hanno deciso di condannarla solo a sette anni per omicidio colposo, mettendo da parte l'iniziale accusa di dolo. Perché la foto pubblicata poche ore prima della morte della 18enne ha incastrato l'amica? Le due avrebbero litigato e a quel punto è stata colta da un raptus: la 21enne ha preso la cinta e l'ha stretta intorno al collo di Brittney fino ad ammazzarla. La 21enne all'inizio aveva raccontato un'altra versione della storia: aveva ripeto di aver lasciato l'amica insieme ad un uomo dopo una serata trascorsa in giro per locali.

Il motivo che ha portato le Autorità a sospettare della ragazza è stato un particolare inquietante rinvenuto con la foto: Cheyenne indossava la stessa cintura trovata accanto al corpo dell'amica, che l'autopsia ha confermato essere l'arma con cui è stata strangolata. Facebook ha aiutato le forze dell'ordine a tracciare i movimenti delle due ragazze quella sera. Pur non ricordando bene quanto accaduto, ha accettato di essere responsabile dello strangolamento della sua migliore amica. Ora Cheyenne è stata condannata a 7 anni di carcere. "Sono molto, molto dispiaciuta. non sarebbe mai dovuto accadere", ha dichiarato attraverso il suo avvocato.

Altre Notizie