Castellammare. Blitz contro il clan Fontana, otto arresti

Commissariato castellammare

Castellammare. Blitz contro il clan Fontana, otto arresti

Gli agenti del commissariato stabiese, agli ordini del primo dirigente Paolo Esposito, hanno dato seguito stamattina a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Torre Annunziata nei confronti di cinque persone della famiglia che ha la sua roccaforte nel quartiere Acqua della Madonna e di altri tre soggetti.

Nel blitz sono finiti in manette Catello, Giovanni, Francesco, Ciro ed Alfonso Fontana, rispettivamente di 52, 51, 50, 25 e 19 anni, assieme a Vincenzo Lucarelli, 19enne. Tra di loro anche due minorenni: F. G., del '98 e L.P.G. del 2002, tutti già noti per i loro precedenti penali e di polizia.

Commissariato castellammare

Un'intera famiglia autrice di un raid punitivo a colpi di arma da fuoco. E' quanto avvenuto a Castellammare di Stabia il 10 dicembre del 2016, e terminato con il ferimento di Gaetano Cavallaro, all'epoca diciannovenne, che riportò una ferita d'arma da fuoco ad una gamba. A bordo di quattro scooter, gli esecutori del raid spararono nonostante fosse di domenica sera e il bar fosse molto frequentato. I risultati investigativi hanno consentito di affermare una partecipazione corale all'azione delittuosa, che, per le specifiche modalità e circostanze, denota una spiccata potenzialità offensiva dei giovani. La "spedizione punitiva" sarebbe stata compiuta con assoluta disinvoltura e spregiudicatezza, in orario notturno, in pieno centro cittadino, nei pressi di esercizi commerciali ancora pieni di avventori, nella pubblica via, da più persone armate, a testimonianza della capacità criminale degli indagati e della loro pericolosità sociale e inclinazione a delinquere. I sei maggiorenni sono stati portati a Poggioreale, mentre il quindicenne ed il diciannovenne, quest'ultimo minore all'epoca dei fatti, sono stati portati in due comunità. Nel luglio scorso fu ucciso ad Agerola, uno degli storici leader del clan, Antonio Fontana, all'uscita della pizzeria "Li galli", luogo in cui era andato assieme a moglie ed amici.

Altre Notizie