Amazon, diffida dell'Agcom: regolarizzare le attività di servizio postale

Amazon: AgCom, diffida al gigante dell'e-commerce

Amazon, diffida dell'Agcom: regolarizzare le attività di servizio postale

Le implicazioni dell'iniziativa di AGCOM potrebbero quindi essere anche molto rilevanti per un gruppo che impiega migliaia di persone nella Penisola, è infatti molto probabile che una volta formalizzato il riconoscimento come operatore postale di Amazon i sindacati intervengano tempestivamente per il rispetto del contratto collettivo previsto.

Il Consiglio dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha diffidato le società del gruppo Amazon, Amazon Italia Logistica, Amazon City Logistica a regolarizzare la propria posizione, con riferimento al possesso dei titoli abilitativi necessari per lo svolgimento di attività qualificabili come servizi postali.

In base alle informazioni e dagli elementi acquisiti, si legge in una nota, l'Autorita' rileva che il servizio di recapito ai destinatari dei prodotti acquistati sul cosiddetto marketplace e' offerto e gestito sul territorio nazionale da societa' riconducibili ad Amazon EU S.R.L. A giudizio dell'Autorita', il servizio svolto da queste societa', al pari di quelli svolti dai principali corrieri espresso utilizzati da Amazon, e' qualificabile come servizio postale, in base alla normativa di settore (nazionale e dell'Unione europea). Che tra le altre cose regolano l'utilizzo di corrieri di terze parti, come ampiamente fatto da Amazon.

"Amazon svolge un servizio postale senza averne il titolo". Amazon ormai ha un servizio di streaming video, produce serie TV, possiede il Washington Post, ha acquisito la catena di supermercati Whole Food e gestisce la più grande infrastruttura di server al mondo. Innanzitutto per ottenere l'abilitazione necessaria, dovrà dimostrare di rispettare le norme in tema di condizioni di lavoro previste dai servizi postali ed essere in regola con gli obblighi contributivi dei suoi dipendenti. Amazon dovrebbe quindi sottostare ad alcuni vincoli dai quali oggi è esente. Le due società controllate, inoltre, dovranno applicare i contratti di lavoro previsti dal settore.

Altre Notizie