Banconote false: due arresti della Finanza di Parma

In scadenza le domande per l'iscrizione all'Albo degli Scrutatori di Torre Annunziata

Banconote false: due arresti della Finanza di Parma

La Guardia di finanza di Napoli insieme al nucleo speciale di polizia valutaria di Roma hanno smentallato una banda criminale specializzata nella contraffazione di denaro.

Un'indagine partita nel 2012 con tredici persone coinvolte. Il blitz ha permesso di trovare due stamperie clandestine di banconote a Torre Annunziata con all'interno 13 persone a lavoro. Una terza è stata trovata in Romania. Ma anche degli appoggi logistici garantiti da Antonio Carillo e da Santo, Michele e Gennaro Visiello, di Torre Annunziata e ritenuti dalla finanza anche finanziatori delle operazioni illecite. La merce veniva smistata nel territorio napoletano da un altro oplontino, Izzo Felice, di anni 50, che si prodigava nel procacciare clienti interessati nell'acquisto delle banconote falsificate tra i quali spiccavano le posizioni dei fratelli Cante, Enrico e Domenico entrambi di Giugliano in Campania. Per rendere possibile la qualità della falsificazione, si sono trasferiti in Romania gli esperti tipografi napoletani, Capasso e Angelotti, per oltre sei mesi.

Altre Notizie