Terrorismo, cellula jihadista ligure: tre condanne e un'assoluzione

Sono stati condannati per fiancheggiamento del terrorismo islamico, i fratelli egiziani Antar Abdelhakim, 43 anni e il fratello Hossameldin 36 anni.

Il sostituto procuratore Federico Manotti aveva chiesto la condanna a sei anni e otto mesi per Sakher Tarek, algerino di 34 anni, condannato a sei anni. Il gup Roberta Bossi ha condannato tre persone accusate di fare parte di una cellula jihadista operante tra la Liguria e la Lombardia. Si tratta delle prime condanne in Liguria per affiliazione all'Isis.

Attentati - Secondo l'accusa "l'organizzazione diffondeva materiale jihadista e instradava combattenti dal Nord Africa in Siria e Libia per conto dello Stato Islamico". Nessuna decisione per Hosny Mahmoud El Hawary Lekaa, egiziano 31enne. Tarek, secondo quanto accertato dai carabinieri del Ros, era in contatto con una cellula europea ed era pronto a compiere un attentato. Tutto era partito dalle indagini condotte nei confronti del pizzaiolo egiziano al tempo residente a Finale Ligure e poi trasferitosi a Cassano d'Adda, nel milanese.

Altre Notizie