Juventus, Dybala non incanta: al 'Camp Nou' stravince Messi

Barcellona-Juventus, Dybala: “Voglio fare una bella prestazione”

Dybala: «Contro il Barcellona tutti si aspettano una replica, ma è difficile ripetersi»

A riguardo, le scelte tecniche di Allegri, in Catalogna, nonostante l'emergenza, hanno fatto discutere, sopratutto quella inserire Stefano Sturaro, che è tutto fuorchè un terzino, al posto di De Sciglio. Non c'è alcuna parabola discendente, anzi, l'astro argentino è sempre sul dorso di una cometa. Impareggiabile l'ironia dei napoletani. "Non sarà facile ripetere quanto fatto lo scorso anno, in uno stadio come questo".

Pagelle, confronti, caratteristiche messe allo specchio: Barcellona-Juventus è anche Messi contro Dybala, la fantasia e la classe in salsa argentina per un duello nel duello che rende ancora più avvincente la sfida di Champions di stasera al Camp Nou.

La questione è anche delicata, perché pochi mesi fa Dybala ha leso la maestà di Messi eliminando il Barcellona dalla Champions con una doppietta. Messi rappresenta il più grande fenomeno degli ultimi anni, ma Paulo Dybala è la Joya, una Joya per i nostri occhi e per i tifosi della Juventus che al momento possono goderselo, finalmente con la meritata dieci. "E in nazionale è evidente che devo essere io a dovermi adattare a lui", e forse forse l'ammiccamento è solo una formalità reverenziale: "Sto bene alla Juventus ma non so cosa potrà accadere in futuro, sono felice di indossare una maglia così importante come la dieci".

Dopodiché, è chiaro che Dybala non è stato aiutato da una squadra che è drammaticamente crollata nella ripresa, come fosse ancora a Cardiff, e non a Barcellona, per una nuova stagione.

Ronaldo e Messi sono distanti? La Juve tiene per tutto il primo tempo, ma dopo il primo gol crolla sotto i colpi della pulce. Per questo abbiamo preso la decisione di indossare un numero importantissimo per questa società, che è il numero 10, e cercare di fare le cose al meglio.

"No ci siamo concentrati sull'Argentina".

'La Joya' non è quasi mai riuscito ad impensierire la difesa blaugrana, tranne che in pochissime circostanze come in quella capitata in avvio sul risultato di 0-0: scatto in profondità su azione di contropiede con tiro che però si rivela troppo debole e centrale, una telefonata a Ter Stegen.

Altre Notizie