In Nepal sono oltre 40 i morti provocati dalle inondazioni

Alluvioni e frane in Nepal morti e dispersi. Italiani bloccati in hotel   
                       
                
         Oggi alle 07:00

Alluvioni e frane in Nepal morti e dispersi. Italiani bloccati in hotel Oggi alle 07:00

"Da venerdì - ha riferito un portavoce del ministro degli interni nepalese - sono oltre 40 i morti provocati dalle inondazioni e dagli smottamenti". Tra loro anche Francesca Chaouqui, la donna al centro dello scandalo Vatileaks.

Nel Chitwan, una delle zone più visitate del Nepal per il suo parco naturale, 110 hotel sono stati inondati dai fiumi Rapti e Bhudi Rapti e almeno 600 turisti sono bloccati e attendono soccorsi. Abbiamo allertato la Farnesina.

Su Twitter ha postato delle foto del fango: "Siamo vivi. Ci siamo appena ricongiunti e stiamo raggiungendo un posto sicuro". Per favore aiutataci. Siamo senza acqua e luce. Le forti precipitazioni, iniziate l'altro ieri, hanno interessato più di 12 distretti del paese e hanno causato almeno 35 vittime. Il comunicato rende inoltre noto di aver chiesto a Nuova Delhi di aprire le dighe di due fiumi che dal Nepal si riversano in India, in modo da permettere un maggior deflusso delle acque. Nelle aree colpite sono mobilitati l'esercito e la polizia per prestare soccorso, ma i temporali non permettono di intervenire con gli elicotteri.

Altre Notizie