Champions League: una Juventus d'acciaio vola in semifinale

Champions League: una Juventus d'acciaio vola in semifinale

Champions League: una Juventus d'acciaio vola in semifinale

"Un passaggio importante e meritato". Questo il verdetto, dopo la qualificazione dei bianconeri alla semifinale di Champions League, di Tuttomercatoweb.com, che vede molti punti di contatto fra la squadra di Massimiliano Allegri e quella leggendaria di Josè Mourinho, che nel 2010 riscrisse la storia del calcio italiano.

Se infatti i club si fanno vicendevolmente i complimenti per i match giocati e il Barcellona augura alla Juve un felice prosieguo di competizione, i giornalisti iberici si scatenano fra titoli e commenti. Non per niente, la retroguardia bianconera, attualmente la migliore d'Europa, ha subito solo due reti nelle ultime otto partite europee.

IL TWEET CLASICO - E Piqué su Twitter ha pensato di accendere l'attesa per la sfida ai rivali Blancos, utilizzando i social network nei modi schietti e poco diplomatici che gli sono propri. La Pulce è il più vivo dei suoi e non vuole arrendersi, ma nemmeno per lui è la serata giusta: lo si intuisce quando a metà ripresa raccoglie un pallone dopo un'uscita sbagliata di Buffon, calciando alto a porta vuota col destro. Ieri sera al Camp Nou, i bianconeri hanno sfoderato una prestazione di grande intelligenza e grande maturità: l'ennesima prova, qualora ce ne fosse ancora bisogno, della crescita esponenziale della squadra di Max Allegri, finalmente anche lontano dai patri confini.

"Petardazo" titola As, giornale vicino al Real Madrid: "Il Barca è stato incapace di superare il muro della Juventus". È riuscito a tenere compatto il gruppo, a chiarire alcune situazioni che potevano diventare bollenti (caso Dybala e Bonucci), rimediare alle assenze per infortunio, a far integrare velocemente i neoacquisti tanto da renderli quasi intoccabili (DAni Alves, Pjanic e Higuain), cambiare in corso un modulo che non era più congeniale. In casa Juve c'è aria di impresa. Allegri si era mantenuto sulla stessa linea della gara d'andata, ma evidentemente il Barcellona è cambiato, ma sino a un certo punto: a Torino era sembrato una squadra di cadaveri, al Nou Camp è tornata la potenza di sempre, ma la Juve era preparata allo scontro ed è riuscita a passare il turno, nonostante le sparate dialettiche del tecnico catalano, al passo d'addio.

Venerdì 21 avrà luogo il sorteggio per le semifinali.

Altre Notizie