M5s: faccia a faccia Raggi e Appendino. Roma intanto è nel caos

COMBO RAGGI APPENDINO per SITO

COMBO RAGGI APPENDINO per SITO +CLICCA PER INGRANDIRE

La sindaca di Roma Virginia Raggi è una di quelle donnine che parlano poco ma ti guardano di sottecchi e fanno faccette che comunicano al mondo il loro elaborato interno che sembra complesso, ma spesso è solo povero. Le due sindache grilline, al termine del faccia a faccia, sono infatti state all'Anci, per una riunione sulla legge di stabilità.

La sindaca Raggi ha anche rimproverato (e fotografato a sua volta per ritorsione un po' alla Erdogan) i giornalisti, "mi fate un po' pena", di scavare nella monnezza in cerca di un Pulitzer e di non rispettare il pargolo scordandosi che proprio lei lo ha clamorosamente esibito in Campidoglio il giorno del suo insediamento.

Appendino non è entrata nel merito delle polemiche ma si è detta convinta che "ognuna nella sua autonomia lavora per il bene delle rispettive città". Non ne ha bisogno. Quanto all'operato della collega romana, niente da aggiungere: "Non credo che abbia bisogno dei miei consigli - taglia corto Chiara - Roma e Torino sono città molto diverse". Nel corso dell'incontro si è parlato dei problemi delle due città e delle eventuali iniziative di collaborazione tra Roma e Torino. La Raggi su Twitter ha anche postato una foto che le vede ritratte sul divanetto della stanza del sindaco a Palazzo Senatorio. "È mancato il fatto di pensarci per tempo, non a caso io lo dicevo da un anno che a Roma si sarebbe vinto". Quindi - ha detto ancora il primo cittadino emiliano - qualcuno dovrebbe ammettere di avere sbagliato. "Non devono essere uno, due, tre o 10 persone a decidere, ma bisogna tornare ai valori fondanti del Movimento".

Altre Notizie